Come Fare Per

Agevolazioni e Riduzioni TARI per Abitazioni

Aggiornamento scheda: 11/01/2019

Riduzioni per abitazioni

Nel Regolamento Comunale TARI sono previste delle riduzioni di tariffa relative alle abitazioni. E' possibile ottenerle dalla data di effettiva sussistenza delle condizioni di fruizione, presentando il modulo di domanda entro 60 giorni dall'inizio dell'occupazione (per acquisto, locazione o uso). In mancanza del rispetto dei termini di presentazione della dichiarazione iniziale o di variazione la riduzione opera dal momento della domanda.
La richiesta non deve essere rinnovata annualmente, ma solo se cambiano le condizioni. La riduzione si applica fino al momento in cui le condizioni che determinano il diritto vengono meno, anche se non è stata presentata la relativa dichiarazione di variazione.

Le riduzioni per abitazione possibili sono le seguenti:
 
  • Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo, non superiore a 183 giorni nell’anno solare: riduzione del 20%
  • Fabbricati rurali ad uso abitativo: riduzione del 20%
  • Utenze domestiche che abbiano avviato il compostaggio dei propri scarti organici ai fini dell’utilizzo in sito del materiale prodotto (richiesta da presentare entro il 31/12 dell’anno precedente): riduzione del 10% della quota variabile. La riduzione incide, cioè, solo su quella parte di tassa che tiene conto del numero dei componenti il nucleo familiare.
  • Utenze poste a una distanza superiore a 500 metri dal più vicino punto di conferimento, misurato dall’accesso dell’utenza alla strada pubblica: riduzione del 60%
 

Agevolazioni per abitazioni di residenza (da presentare ogni anno)

Il 2 marzo 2020 scade la domanda per ottenere l'agevolazione sulla tariffa TARI.

Tali forme di agevolazione tariffaria devono essere richieste ogni anno, come da regolamento. 
Le agevolazioni riguardano esclusivamente le abitazioni di residenza e possono essere richieste in uno dei seguenti casi:
 
1. Famiglia in cui è presente una (o più persone) con disabilità o handicap. 
In caso di presenza di un invalido in famiglia, come indicato in seguito:
  • con grado di invalidità dal 69%
  • non autosufficiente over 65
  • priva di vista (legge 382/70 e 508/88)
  • sordomuta (legge 381/70 e 508/88
  • disabile con handicap grave (art. 3 c. 3 della legge 104/92)

unitamente ad un valore dell'indicatore ISEE 2019, inferiore alle seguenti soglie, opera la riduzione come accanto indicata:
  • con ISEE inferiore o pari ad Euro 5.000,00: esenzione totale
  • con ISEE compreso tra Euro 5.001,00 ed Euro 7.500,00: riduzione del 60%
  • con ISEE compreso tra Euro 7.501,00 ed Euro 10.000,00: riduzione del 50%
  • con ISEE compreso tra Euro 10.001,00 ed Euro 12.500,00: riduzione del 40%
  • con ISEE compreso tra Euro 12.501,00 ed Euro 15.000,00: riduzione del 30%
 
2. Famiglie a basso reddito.
L'agevolazione tiene in considerazione esclusivamente la situazione reddituale. Detta situazione viene attestata mediante indicatore ISEE 2019. 
 
  • a prescindere dal numero di figli a carico, con ISEE inferiore a € 15.000: riduzione del 10%
  • fino a tre figli a carico e con ISEE inferiore a € 15.000: riduzione del 15%
  • con quattro o più figli a carico e con ISEE inferiore a € 15.000: riduzione 20%
 
3. Famiglie dove abitano minori in affido.
Se nella famiglia vive un minore in affidamento, indipendentemente dal reddito, si ha diritto ad una agevolazione del 10%. 

4. Giovani coppie nel centro storico.
La tariffa, nella parte fissa e nella parte variabile, si applica in misura ridotta del 80% per i primi tre anni per le giovani coppie (in cui ciascun membro abbia un'età inferiore ai 35 anni) che stabiliscano la loro residenza nel centro storico ossia all’interno della zona territoriale omogenea A come individuata dagli strumenti di governo del territorio vigenti. La presente agevolazione si applica soltanto all’immobile di residenza e relativa pertinenza.
 

Condizione essenziale per ottenere l'agevolazione sulla TARI è quella di essere in regola con il pagamento della Tassa sui Rifiuti per gli anni 2016 - 2017 e 2018, condizione da autodichiarare nel modulo di domanda, sottoposta a verifica da parte dell'ufficio.
 

Non cumulabilitĂ 

Il Regolamento Comunale sulla TARI, all'art. 28. Cumulo di riduzioni e agevolazioni, prevede: "Qualora si rendessero applicabili più riduzioni o agevolazioni, opera sull’importo del tributo solo la riduzione o agevolazione maggiore."
 

Normativa di Riferimento

  • Deliberazione Consiglio Comunale n. 39 del 18/06/2014: Regolamento per l'istituzione e l'Applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI);
  • Deliberazione Giunta Comunale n. 254 del 11/12/2014: TARI 2015. Agevolazioni. - Utenze domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda; - Utenze non domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda.
  • Deliberazione Giunta Comunale n. 4 del 18/01/2016: TARI 2016. Agevolazioni. - Utenze domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda; - Utenze non domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda.
  • Deliberazione Giunta Comunale n. 250 del 20/12/2016: TARI 2017. Agevolazioni. - Utenze domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda; - Utenze non domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda.
  • Deliberazione Giunta Comunale n. 8 del 16/01/2018: TARI 2018. Agevolazioni. - Utenze domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda; - Utenze non domestiche: modalità e termini per la presentazione della domanda.
  • Deliberazione Consiglio Comunale n. 61 del 24/07/2018: Approvazione modifica Regolamento per l'Applicazione della Tassa sui Rifiuti con riferimento alle agevolazioni per contribuenti in condizione di start up e per giovani coppie.