Come Fare Per
NEWS

Il teatro sociale approda alle Stanze Ulivieri con 7 minuti

Sabato 25 febbraio alle ore 21.30 uno spettacolo proposto dal Direttore Artistico Silvano Alpini, dove si tende ad affermare il valore del diritto, della dignità, del dubbio, della ragione.
Un teatro di denuncia contro le prepotenze del potere che ricorre alle più subdole alchimie, ai ricatti tanto sottili da presentarsi come beneficenza nei confronti dei più deboli.
Nuovo appuntamento con la stagione teatrale alle Stanze Ulivieri a Montevarchi, patrocinata dal Comune di Montevarchi.

Il Direttore Artistico Silvano Alpini propone sabato 25 febbraio alle ore 21.30 uno spettacolo forte, di teatro civile, dal titolo “7 minuti”, scritto da Stefano Massini per la regia e l’adattamento di Gabriele Giaffreda e l’aiuto regia di Henrj Bartolini.

Uno spettacolo dove si tende ad affermare il valore del diritto, della dignità, del dubbio, della ragione.

Un teatro di denuncia contro le prepotenze del potere che ricorre alle più subdole alchimie, ai ricatti tanto sottili da presentarsi come beneficenza nei confronti dei più deboli.

In “7 minuti” si narra di una storia di lavoro in fabbrica dove 10 dipendenti attendono il ritorno di Bianca la loro delegata convocata dalla direzione della nuova proprietà.

C’è una voce, messa in giro dai nuovi padroni, che la fabbrica potrebbe chiudere i battenti per la crisi del settore.

Passano alcune ore e ancora Bianca non si vede.Finalmente Bianca appare, scura in volto, silenziosa e poi annuncia che tutti i posti sono salvi. Segue il grido liberatorio delle colleghe, ma l’entusiasmo dura poco quando Bianca afferma che si dovrà mettere ai voti la proposta della direzione che mette come precondizione al proseguimento dell’attività lavorativa la riduzione di 7 minuti della pausa pranzo (da 15 a 8 minuti).

La delegata annuncia il suo no e le colleghe reagiscono verbalmente in modo molto violento. Bianca cosa sono 7 minuti? chiedono, ma la risposta le raggela quando Bianca cerca di far loro capire che i “7 minuti” è un piccolo boccone avvelenato cui ne seguiranno altri e altri ancora e che 7 minuti moltiplicato per 200 dipendenti sono pari a 600 ore gratuite lavorate in più ogni mese, pregiudicando la dignità e i diritti conquistati in tanti anni di lotta.

Così l’autore di questo testo (portato in giro nei teatri anche da Alessandro Gassmann e del quale è stato anche prodotto un film nel 2016 da Michele Placido) Stefano Massini spiega il senso dello spettacolo: “Il dibattito fra queste undici donne, diversissime, è in fondo il sismografo di un inizio secolo iper-contradditorio in cui la bussola del lavoro sbanda impazzita”.

Sul palco saliranno Ylenia Carfora, Silvia Cerri, Valentina Chericoni, Chiara Collacchioni, Micaela Frulli, Antonia De Grado, Federica Quagliozzi, Alessandra Roina, Laura Romiti, Michela Stellabotte, Silvia Todesco.

Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare 3356554808.

 
Pierluigi Ermini