Come Fare Per
NEWS

Un evento per ricordare l'eccidio del popolo armeno

Sabato 25 febbraio alle 10.30 alla Ginestra presentazione del libro "Mayrig" con Letizia Leonardi, Luciano Bucci e Maura Isetto.
Saranno presenti due classi del liceo scientifico Varchi
Sabato 25 febbraio 2017 con inizio alle  ore 10.30 in Sala Filanda al Centro Culturale di Ginestra Fabbrica della Conoscenza, sarà ricordato il genocidio compiuto nei confronti del popolo armeno all’inizio del XX secolo. 

“Il popolo armeno e il primo genocidio del XX secolo” è il titolo dell’evento che vedrà la partecipazione di Letizia Leonardi che ha curato la traduzione del romanzo biografico del regista francese Henri Verneuil “Mayrig”  edito da Divinafollia nel 2015.

Durante la presentazione saranno proiettate alcune scene del film omonimo, foto e documenti originali sul genocidio degli Armeni.

Porteranno i loro saluti Luciano Bucci Vicesindaco del Comune di Montevarchi e Maura Isetto Assessore alla Cultura del Comune di Montevarchi.

Interverranno anche due classi del Liceo Scientifico della città. Mayrig è il racconto dell’odissea della famiglia di Azad Zakarian, dalle persecuzioni in Anatolia all’arrivo a Marsiglia, fino a narrare tutte le difficoltà incontrate da parte della famiglia “mediorientale” nel tentativo di integrarsi nella società francese dell’epoca.

La narrazione avviene attraverso l’intreccio di due storie parallele: la storia della famiglia Zakarian nel corso del suo inserimento nella vita di Marsiglia e, mediante l’espediente del ricordo, ricorrendo alla tecnica del flashback, la storia delle deportazioni subite dal popolo armeno in Anatolia.

Se nel corso del racconto del genocidio non mancano scene decisamente cruente, in cui viene efficacemente rappresentato il sadismo dei generali turchi, anche l’arrivo a Marsiglia viene descritto come tutt’altro che semplice: emblematica la scena in cui, trovata in casa una colonia di scarafaggi, la famiglia deciderà comunque di non ucciderli: “In fondo se hanno scelto la nostra casa significa che non hanno disprezzo per noi armeni”.

Una storia, quella del genocidio del popolo armeno poco conosciuta e che è necessario comprendere e far conoscere alle nuove generazioni.
 

Pierluigi Ermini